Strumenti di accessibilità

Eventi & Iniziative

Festival della Pace 2023

Festival della Pace 2023

Al via la seconda edizione del Festival della pace realizzato da Casa della pace con il Comune di Parma e in collaborazione con Rete Italiana Pace e Disarmo.

Dal 9 ottobre al 7 dicembre venti appuntamenti per affermare il diritto a un'informazione libera e obiettiva; per delineare quali politiche siano necessarie per riportare la pace in Europa; per conoscere quanto sta accadendo in paesi più lontani (Congo, Myanmar, Palestina) e per ascoltare le testimonianze di guerra dai rifugiati che sono presso di noi; per proporre la realizzazione di un Ministero per la Pace e nei comuni la diffusione degli Assessorati per la pace, coinvolgendo le amministrazioni locali; per ribadire l’attualità di don Primo Mazzolari e don Lorenzo Milani; per chiedere che l’Italia ratifichi il Trattato Onu per l’eliminazione delle armi nucleari; per denunciare gli effetti delle armi all’uranio impoverito, vietate e tuttavia ancora usate; per analizzare la connessione del rifiuto della guerra con la difesa dell’ambiente; per scongiurare il bellicismo e il razzismo ricordando la nostra Costituzione e la Dichiarazione dei diritti umani, pure legge del nostro Stato, che afferma che ogni essere umano è titolare di tutti i diritti e ci richiede di agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.

Il Festival è stato presentato in conferenza stampa presso Municipio di Parma il giorno 28 settembre 2023.

Al tavolo erano presenti l’Assessora alla Pace ed Associazionismo, Daria Jacopozzi, Danilo Amadei, Presidente Casa della Pace, Emilio Rossi per Casa della Pace e CIAC Onlus e Paolo Volta della Famiglia saveriana.

PROGRAMMA:

9 ottobre, ore 18.00: ABBIAMO IL DIRITTO DI CONOSCERE LA VERITÀ, SOSTENIAMO LA LIBERAZIONE DI JULIAN ASSANGE Presso Sala Conferenze Missionari Saveriani, Viale San Martino n.8, si svolgerà un incontro in sostegno della liberazione di Julian Assange per riflettere sulla libertà di stampa e di pensiero, con partecipazione di Riccardo Noury, Direttore di Amnesty Italia e di Vincenzo Vita, politico e giornalista per “il manifesto”. Gianluca Foglia (Fogliazza) modererà gli interventi. ore 10.00 -13.00 (per le SCUOLE): Durante la mattinata gli stessi relatori incontreranno i giovani presso Cinema d’Azeglio. Verrà inoltre presentato Il “Premio Julian Assange – Riflessioni sulla Libertà di stampa”, promosso dall’Assessorato alla Pace in accordo con la Presidenza del Consiglio Comunale di Parma, rivolto alle classi dell’ultimo anno delle scuole secondarie di secondo grado di Parma e Provincia.

10 ottobre, ore 17.30: GUERRA O PACE? QUALI POLITICHE PER RIPORTARE LA PACE IN EUROPA L’iniziativa si terrà presso Palazzo del Governatore, Piazza Garibaldi n.19, a cura del Coordinamento per la democrazia costituzionale. Dialogheranno Domenico Gallo, magistrato, ex presidente di sezione della Corte di cassazione ed ex senatore, da sempre impegnato per la pace e Raniero La Valle, giornalista, politico e intellettuale con un occhio da sempre rivolto ai temi della pace e della giustizia internazionale. Introduce e coordina Mauro Sentimenti, giurista e avvocato. 14 ottobre, ore 10.00: INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA “MINERALI CLANDESTINI” – CONGO TANTA RICCHEZZA TANTA POVERTÀ. Presso Chiostro San Giovanni Evangelista, Piazzale S. Giovanni n.1 verrà allestita una mostra sullo sfruttamento dei minerali utilizzati nei principali prodotti tecnologici di largo consumo, ed estratti e commercializzati illegalmente in Africa, in particolare nel Nord-Est del Congo. Gli obiettivi sono informare su una delle cause maggiori di conflitti armati, violenze, povertà e migrazioni, e promuovere il senso civico e di cittadinanza, insieme a un consumo critico. La mostra è nata grazie al lavoro di Chiama l’Africa in collaborazione con Solidarietà-Muungano onlus, Rete Pace per il Congo, Maendeleo Italia, Fondazione Nigrizia, Cipsi, Emmaus Italia, Missione Oggi e realizzata da Mario Ghiretti. Per tutta la durata dell’esposizione giovani delle Scuole Secondarie di II grado di Parma saranno coinvolti in prima persona come guide. Apertura fino al 28 ottobre: dal lunedì al sabato ore 9.00 -13.00; 15.00 -18.00.

14 ottobre, ore 11:30 - INTITOLAZIONE PARCO A LUCA ATTANASIO Il parco compreso tra via Marco Biagi e strada di Sant’Eurosia Jaca verrà intitolato a Luca Attanasio, diplomatico italiano ed ex ambasciatore presso la Repubblica Democratica del Congo, che ha speso la sua vita per la costruzione di pace. L’evento si svolgerà alla presenza di Lorenzo Lavagetto, vice-sindaco di Parma; Daria Jacopozzi, assessora alla Partecipazione e Pace e Salvatore Attanasio, padre dell’ambasciatore.

21 ottobre, ore 9.30 – 12.30: TAVOLA ROTONDA: CONGO, TANTA RICCHEZZA TANTA POVERTÀ. Presso Palazzo del Governatore, Piazza Garibaldi n.19, interverranno sul tema Loris Cattani, missionario saveriano e componente della Rete Pace per il Congo; Teresina Caffi, missionaria di Maria/saveriana, dal 1982 in Africa, ha svolto la sua missione prima in Burundi e poi in Congo; Pierre Kabeza, ex insegnante congolese, oggi mediatore culturale in Italia, tra i fondatori dell'associazione Amici di Luca Attanasio e Sergio Piazzardi, Policy Officer presso Raw Materials, Industry – Directorate General for International Partnerships della Commissione Europea. 16 ottobre, ore 18.00: LA PACE RESTA UN'UTOPIA? L’incontro si svolgerà presso Palazzo del Governatore, Piazza Garibaldi n.19 con la partecipazione di Andrea Salvatore, professore di Filosofia politica presso Sapienza Università di Roma e Chiara Marchetti, CIAC Onlus e docente di Sociologia delle relazioni interculturali presso l’Università degli Studi di Milano. L’iniziativa è promossa dall’Associazione culturale La Ginestra con il sostegno del Comune di Parma e si inserisce in “Pensare la vita”, una rassegna di incontri filosofici aperti a tutta la cittadinanza.

22 ottobre, ore 16.00 (per le famiglie): “PINOCCHIO E YAMIN”, SPETTACOLO TEATRALE Pinocchio, noto personaggio della narrativa italiana e la bambola Yamin, marionetta dei racconti birmani si incontrano nel testo “Pinocchio e Yamin”, opera di Thant Zin Soe, scrittore birmano impegnato nella Resistenza alla dittatura militare in Birmania. La rappresentazione teatrale del libro è cura della regista Sabina Borelli, in collaborazione con l’Associazione per l’Amicizia Italia Birmania “Giuseppe Malpeli”. E’ dedicata a Giuseppe Malpeli, educatore e pedagogista di Parma, medaglia d’oro Premio Sant’Ilario, a otto anni dalla sua scomparsa e al ricordo dell’incontro di Aung San Suu Kyi con gli studenti di Parma nel 2013.Verrà messa in scena al Teatro Conforti, Piazza Alessandro Volta.

23 ottobre, ore 9.00-13.00 : REPLICA PER LE SCUOLE. Teatro Conforti, Piazza Alessandro Volta

22 ottobre, ore 16.30: MINISTERO PER LA PACE: SI VIS PACEM PARA PACEM – TRA REALISMO E UTOPIA: UNA PROPOSTA AI SINDACI. L'incontro verterà sulla Campagna per l'istituzione del Ministero della Pace e il ruolo che le amministrazioni comunali e le associazioni possono avere nel promuovere una politica di pace. I relatori dell'incontro saranno Anselmo Palini, insegnante, saggista e scrittore sui temi della pace; Camilla Bianchi, presidente provinciale degli enti locali per la pace di Brescia; Laila Simoncelli, avvocato, coordinatrice della campagna Ministero della Pace - Comunità Papa Giovanni XXIII; Matteo Truffelli, politologo, docente presso l’Università di Parma e Andrea Ferrari, presidente del Coordinamento degli Enti Locali per la pace. Interverranno anche Daria Jacopozzi, Assessora con Delega alla Pace del Comune di Parma, e Paolo Andrei, Rettore dell'Università di Parma. A seguire dibattito aperto sui temi trattati. L’incontro è a cura di Associazione Papa Giovanni XXIII e si svolgerà presso Biblioteca di San Giovanni, Piazzale S. Giovanni Evangelista n.1.

7 ottobre ore 20.30: XXII GIORNATA ECUMENICA DEL DIALOGO CRISTIANO-ISLAMICO, “CUSTODIRE IL CREATO COSTRUENDO LA PACE”. Interverranno Antonella Visintin, coordinatrice della Commissione Globalizzazione e ambiente (GLAM) della Federazione delle Chiese evangeliche in Italia (FCEI) e Hamdan Al Zeqri, consigliere Unione delle Comunità islamiche in Italia (UCOII), Dipartimento dialogo interreligioso. Iniziativa è proposta da Consiglio delle Chiese cristiane di Parma e dalla Comunità islamica di Parma. Si svolgerà presso Sala Conferenze Missionari Saveriani, Viale San Martino n.8

2 novembre, ore 20.45: DON PRIMO MAZZOLARI E LA PACEM IN TERRIS DI GIOVANNI XXIII Incontro con Don Bruno Bignami, autore del libro “PACE. ADESSO O MAI PIÙ, una raccolta di testi di Don Primo Mazzolari sulla pace” e con la partecipazione di Matteo Truffelli, professore di Storia delle Dottrine Politiche presso l’Università di Parma. Incontro è proposto dalla Consulta Diocesana per la giustizia, pace e salvaguardia del creato, presso Centro Pastorale Diocesano, Viale Solferino n.25

6 novembre, ore 18.00: CON LA PALESTINA LIBERA NEL CUORE Incontro con Egidia Beretta Arrigoni, madre di Vittorio Arrigoni, scrittore, giornalista e attivista che ha perso la propria vita a Gaza e Chiara Cruciati, giornalista, vice direttrice de “il manifesto” e esperta di Medio Oriente, all'interno della Sala Civica di Scuola Racagni, via Bocchi n.33.

9 novembre, ore 10.00 - 13.00: PRESENTAZIONE DEL VIDEO “TESTIMONI DI GUERRE” Il filmato è composto da video interviste a rifugiati che vivono nel territorio parmense e che hanno subito in prima persona le conseguenze delle guerre e dei conflitti nel mondo. L’incontro si svolgerà presso Cinema D’Azeglio ed è pensato in particolare per le scuole, con un momento finale di presentazione di schede didattiche per l’educazione alla pace. La visione è aperta a tutti, fino ad esaurimento posti.

11 novembre, ore 16.30: L'ATTUALITÀ DELL'UTOPIA DELLA PACE IN TEMPO DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE Il grande tsunami della rivoluzione digitale e dell'intelligenza artificiale sta cambiando anche il modo di trattare il tema della pace. L'IA non solo serve per fare la guerra, come si vede in Ucraina, ma potrà cambiare anche la coscienza collettiva della inutilità delle guerre, in cui tutti sono perdenti, e la conseguente necessità anche razionale di cercare a tutti i costi la convivenza pacifica. Nella cornice della Sala Giovanna da Piacenza, presso Complesso di San Paolo, Vicolo delle Asse n.5, si svolgerà l’incontro con Michele Zanzucchi, professore, autore di una quarantina di libri, giornalista ed ex direttore della rivista «Città Nuova».

15 novembre ore 17.30: PRESENTAZIONE DEL LIBRO “DESTINAZIONE PACE, QUINDICI VOCI CONTRO LA GUERRA” Il libro, a cura di Novita Amadei ed edito da MUP Editore, verrà presentato tramite l’intervento di alcuni dei suoi autori (Alex Zanotelli, Simonetta Gola, don Luigi Ciotti, Franco Masini, Roberto Fieschi, Roberta Maggiali, Francesco Camattini, Mario Menin, Danilo Amadei, Enrico Ottolini, Antonio D'Aloia, Stefano Magagnoli, Francesco Vignarca, Emilio Rossi, Marco Deriu, Aluisi Tosolini) e del Rettore dell’Università degli Studi di Parma, Paolo Martelli. L’evento si svolgerà ad APE Parma Museo, in Via Farini n.32/A

18 novembre ore 11.00: INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA "NARRAZIONI ETICHE” Il progetto di Anpi Provinciale Parma è realizzato con la collaborazione degli studenti dell'Istituto d'Arte Toschi. Racconta la pluralità dei linguaggi, le sensibilità e le narrazioni delle giovani generazioni a favore della memoria e delle resistenze dell'oggi. La mostra si protrarrà fino al 2 dicembre, negli orari di apertura della sede nei locali dell'ANPI Provinciale in Piazzale Barbieri n.1

21 novembre, ore 8.30 – 12.30: SE VUOI LA PACE PREPARA LA PACE. RESISTERE ALL'EGEMONIA DELL'ECONOMIA CHE UCCIDE NEL TEMPO DEL RIARMO L’incontro vede la presenza di Carlo Cefaloni, giornalista della rivista “Città Nuova”, tra i promotori della campagna "Italia Ripensaci" ed "Economia disarmata", che si confronterà con i giovani delle IV^ e V^ classi dell'ITE Melloni sul tema dell’economia disarmata. L’evento è organizzato da Sguardi di Fraternità APS presso Auditorium Scuola Cocconi, ingresso Via Cocconcelli.

21 novembre, ore 17.30: RISPETTARE LA COSTITUZIONE, L'ITALIA DEVE RATIFICARE IL TRATTATO ONU CONTRO LE ARMI NUCLEARI Interverranno On Paolo Ciani, sul rapporto tra Parlamento italiano e Trattato ONU per l'eliminazione delle armi nucleari; Francesco Vignarca, coordinatore Rete Italiana Pace e Disarmo ed autore del libro "Disarmo nucleare" che ci illustrerà la campagna nazionale "Italia ripensaci" e Antonio D'Aloia, professore di Diritto Costituzionale dell’Università di Parma che presenterà degli atti del seminario "Le armi nucleari e di distruzione di massa sono incompatibili con la nostra Costituzione". Modera Carlo Cefaloni, tra i promotori dell'appello di associazioni e movimenti cattolici a sostegno della campagna "Italia ripensaci". L’incontro si svolgerà presso Palazzo del Governatore, Piazza Garibaldi n.19.

24 novembre, ore 18.00: LA GUERRA INFINITA. LE CONSEGUENZE DELL'URANIO IMPOVERITO Incontro con la giornalista Maria Elena Scandaliato, che ci presenterà la sua inchiesta sul disastro ambientale e sanitario dei bombardamenti Nato e sulle conseguenze dell’uso delle armi all’uranio impoverito, utilizzate anche in Europa. L’evento si svolgerà presso Sala Conferenze Missionari Saveriani, Viale San Martino n.8

28 novembre, 16.00– 18.30: RICORDIAMO DON LORENZO MILANI, ASCOLTANDO “L’OBBEDIENZA NON È PIÙ UNA VIRTÙ” Nel quadro dell’Assemblea Provinciale annuale del servizio civile, prosegue un cammino di obiezione di coscienza che anche oggi rimane vivo grazie al servizio civile universale. L’evento vedrà una lettura a più voci di obiettori di coscienza della lettera “L’obbedienza non è più una virtù”, con una presentazione del contesto in cui nacque lo scritto e vari interventi di giovani in servizio civile, per attualizzare il messaggio di Don Lorenzo Milani. L’evento si svolgerà presso Sala Assistenza Pubblica, Viale Gorizia n.2/A

7 dicembre, ore 9.00-13.30: GUERRE DEL CLIMA E DISARMO ECOLOGICO: ROMPERE IL CIRCOLO VIZIOSO TRA CONFLITTI, MIGRAZIONI FORZATE E RAZZISMO AMBIENTALE Il Convegno propone di riflettere sulle profonde connessioni tra cambiamento climatico, conflitti e migrazioni, provando a gettare una luce, al contempo culturale e politica, sulle responsabilità del Nord globale e sulle possibili piste da intraprendere per rompere il circolo vizioso in cui siamo tutti intrappolati. Il cambiamento climatico è al contempo causa e prodotto di enormi squilibri tra il Nord e il Sud del mondo. Molti dei conflitti contemporanei intrecciano cause differenti, non ultime quelle che riguardano l’accesso alle risorse e alle materie prime, sempre più preziose, in contesti in cui gli effetti del cambiamento climatico stanno rendendo ancora più difficile la sopravvivenza. In queste dinamiche, aumenta il numero di migranti costretti a lasciare le proprie terre per un insieme di cause che combinano l’insicurezza connessa ai conflitti all’insicurezza provocata dalle avverse condizioni dell’ambiente. Inoltre, il perdurare dei conflitti e le ricadute ambientali da questi provocate rendono ancora più impervia la possibilità di un ritorno, anche quando desiderato. Queste dinamiche interrogano profondamente paesi come l’Italia che sono implicati direttamente o indirettamente in conflitti e espropriazione di risorse in luoghi anche lontani, contribuendo al contempo con le proprie economie e i propri stili di vita ad accelerare il cambiamento climatico e le sue conseguenze, senza assumersi nessuna seria responsabilità di protezione e accoglienza verso chi fugge da quei contesti. Un vero disarmo ecologico non può che prendere le mosse da queste consapevolezze, rinunciando a ogni semplificazione e scorciatoia. Il convegno è organizzato da Università degli Studi di Parma e CIAC Onlus, con La civiltà dell’accoglienza. Università Aula K4, via Kennedy n.6

Convegno 6 ottobre 2023 PARMA LUNI - Mostra fotografica collettiva "DAL PO ALLA LUNIGIANA"

Convegno 6 ottobre 2023 PARMA LUNI - Mostra fotografica collettiva "DAL PO ALLA LUNIGIANA"

VENERDÌ 6 OTTOBRE 2023 Sala Giovanna da Piacenza Complesso San Paolo Vicolo delle Asse 5 Convegno PARMA LUNI, organizzato dall’Associazione Giuseppe Micheli e la Comunità del Cibo di Crinale 2040.

Al termine del Convegno verrà inaugurata la mostra fotografica collettiva DAL PO ALLA LUNIGIANA. La mostra sarà aperta dal 7 al 15 ottobre 2023 dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17.30.

Il console romano Marco Emilio Lepido, dopo aver fondato Parma, 2200 anni or sono ha fondato il por- to di Luni, passando attraverso l’Appennino parmense e la Lunigiana. Nei secoli il “corridoio Parma/Luni” è di- ventato sempre più un “corridoio europeo”: il più rapido collegamento fra il nord Europa e Roma. E’ il “corridoio” usato dai Longobardi, da Carlo Magno, da Napoleone; è il corridoio “dell’autostrada europea del Medio Evo”, la Via Francigena.

“PARMA LUNI - un corridoio italiano/europeo storico ed attuale” è perciò il titolo del convegno che si terrà a Parma VENERDÌ 6 OTTOBRE 2023 nella Sala Giovanna del complesso San Paolo.

Nelle iniziative del progetto, attuate in questi mesi nel Parmense e nella Lunigiana hanno presenziato Sindaci o rappresentanti dei Comuni di Parma, Luni, Langhirano, Calestano, Sala Baganza, Colorno, Aulla, Pontremoli, Ba- gnone, Villafranca Lunigiana, Fivizzano; rappresentanti della Provincia o della Camera di Commercio di Parma e di Massa Carrara; Università di Parma, CePIM Interporto di Parma, il GAL del Ducato di Parma e Piacenza e il GAL del Consorzio Lunigiana, il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-emiliano, i Parchi del Ducato di Parma e Piacenza, Le Riserve di Biosfera MAB Unesco, Confcooperative Par- ma, l’Associazione Europea Longobardia, la Deputazione di Storia Patria per le Province Parmensi, Piacenza e Pon- tremoli, l’Associazione culturale Amici di LUNI, le Strade enogastronomiche e le Vie Storiche.

Nel convegno e durante la mostra si vorrà parlare del- la Pontremolese, del collegamento ferroviario e stradale Tirreno / Parma / Brennero, del rapporto del CEPIM con il Porto di La Spezia, del collegamento fra le Riserve di bio- sfera del Po Grande e del Tirreno, della ciclovia che dovrà collegare la VenTo con la Tirrenica, delle Strade Storiche.

Il convegno si concluderà con l’apertura di una Mostra sulle eccellenze dal Po al Tirreno che si terrà dal 7 al 15 otto- bre 2023 nella Sala delle Colonne del Complesso San Paolo.

Un volume di Gigi Montali sulla mostra fotografi- ca ed un “gioco interattivo”, prodotto dall’Associazio- ne “Comelasfoglia”, saranno a disposizione.

Segreteria Associazione Giuseppe Micheli/Confcooperative Parma Via Sidney Sonnino 35/A - 43126 PARMA e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tel 0521 942635

 

Programma

ore 9.45 - 10.00 Saluti del Comitato Organizzatore

Saluti Istituzionali

10.15 La Pontremolese ed il collegamento ferroviario verso il nord Europa

Gianluca Benamati, Amministratore unico FER Ferrovie Emilia Romagna

10.30 Il CePIM, un interporto che unisce l’Europa al Tirreno

Gianpaolo Serpagli, Presidente CePIM Interporto di Parma

10.45 Turismo e sviluppo del territorio

Mario Marini, Presidente Associazione “I Musei del Cibo della provincia di Parma”
Referente marketing territoriale Comune di Parma

11.00 Quale collegamento stradale Tirreno - Parma - Brennero?

Daniele Friggeri, Delegato alla pianificazione territoriale e politiche ambientali
della Provincia di Parma

Vittorio Dall’Aglio, Vice Presidente Camera di Commercio dell’Emilia

Presidente Ascom Confcommercio Parma Cesare Azzali, Direttore dell’Unione Parmense degli Industriali

12.00 Interventi programmati
Jacopo Ferri, Sindaco di Pontremoli
Sandro Campanini, Consigliere Comune di Parma Luciano Sabini, Presidente del Consorzio per
la Tutela dell’IGP Fungo di Borgotaro

Modera il convegno

Matteo Daffadà, Consigliere Regione Emilia Romagna
ore 12.30 Sala delle Colonne - Complesso San Paolo

Inaugurazione della mostra fotografica collettiva DAL PO ALLA LUNIGIANA curata da Gigi Montali

In allegato il gioco, parte dell'iniziativa, dell'Associazione Comelasfoglia

Appuntamenti per il Centenario del Liceo Marconi

Appuntamenti per il Centenario del Liceo Marconi

Scienza e giustizia: i temi al centro dei primi appuntamenti di ottobre per il Centenario del Liceo Marconi

Il mese di ottobre, l’ultimo dedicato alle celebrazioni del Centenario dello storico istituto parmigiano, apre con ospiti d’eccezione chiamati ad approfondire e a dialogare con il pubblico sul tema della giustizia e delle scoperte tecnologiche applicate a questo ambito, nonché sul progresso scientifico tout court.

Marconi e Scienza. Un binomio perfetto per riaccendere l’attenzione sulle celebrazioni del Centenario del liceo parmigiano che ripartono proprio ad ottobre con un programma fittissimo di appuntamenti, lectiones magistrales e racconti aperti alla cittadinanza e ad ingresso gratuito. A dare inizio a quest’ultima parte del calendario ufficiale, dopo la lunga pausa estiva, sarà un ospite d’eccezione, il tenente colonnello dei RIS di Parma, Alberto Marino, che nella conferenza/dibattito “Le nuove tecnologie al servizio della giustizia: le investigazioni scientifiche” affronterà l’argomento “scienza” da un punto di vista inusuale, quello relativo alla metodologia e alla strumentazione usata per l’indagine criminologica. L’incontro con il colonnello Marino – che, lo ricordiamo, ha investigato su numerosi casi giudiziari tra i quali la strage di Erba e l’omicidio della giovane Yara Gambirasio, e si è recentemente dedicato in alcune sue pubblicazioni alle nuove tecnologie di sequenziamento del DNA – si svolgerà martedì 3 ottobre, alle ore 11.00, presso il cinema Astra.

I misteri dell’universo, dalle collisioni alle onde gravitazionali ed elettromagnetiche, saranno, invece, protagonisti del secondo appuntamento “scientifico” previsto venerdì 6 ottobre, alle ore 11.00, all’Auditorium Cocconi di piazzale Picelli. A dialogare con il pubblico sarà Carlo Musolino, ex studente del Liceo Marconi e oggi ricercatore astrofisico presso il dipartimento di Fisica Teorica dell’Università di Francoforte. La lezione speciale dal titolo “Merger di oggetti compatti: una finestra sull’Universo” indagherà alcune fondamentali domande della fisica moderna, partendo proprio dall’osservazione dei fenomeni celesti.

Un nuovo incontro di argomento scientifico si terrà, infine, martedì 10 ottobre, alle 14.30, presso l’aula magna di via Benassi. Nella lezione “Dal mare dei dinosauri a quello dell’uomo. Un viaggio nel tempo tra le rocce dell’Appennino”, il prof. Valentino Straser, docente di Scienze Naturali, Chimiche e Biologiche del Liceo Marconi, guiderà il pubblico in una ideale esplorazione dei ritrovamenti e delle tracce che sul nostro territorio testimoniano i passaggi evolutivi a partire dalla preistoria.

WACKY -  Luogomobile di idee

WACKY - Luogomobile di idee

WACKY - Luogomobile di idee è un progetto di Associazione Ottotipi in collaborazione con Atlante sonoro della poesia mondiale realizzato con il contributo di Fondazione Cariparma nell’ambito del Bando “Leggere crea indipendenza”

La incontreremo prossimamente per le vie della città, nei cortili delle scuole e nelle fiere di paese: è Wacky, luogomobile di idee, una piccola roulotte itinerante, contenitore metaforico di linguaggi, ideata dall’Associazione Ottotipi e realizzata, come progetto di promozione alla lettura, con il contributo di Fondazione Cariparma nell’ambito del Bando “Leggere crea indipendenza.”

Approdando nei vari luoghi, Wacky dispiegherà la propria forma, antica e modernissima, per offrire al pubblico nuove esperienze di incontro con i libri e le parole. Stravagante e bizzarra (come è il significato del suo nome), la piccola roulotte magica si muoverà sotto forma di carretto ma assumerà ogni volta sembianze diverse aprendosi in tanti modi: bottega letteraria da piazza, salottino per narrazioni urbane, laboratori, camera oscura di rielaborazioni visive della parola, archivio mobile.

«Desideravamo costruire uno spazio che stimolasse la curiosità - scrivono Emanuela Savi, Valeria Piccinnu e Silvia Scotti, anime dell’Associazione Ottotipi - un mezzo mobile trasportabile con la macchina e montabile come un gioco, accogliente come una casa, elastico e trasformabile come le idee. La sua forma si adatta ai linguaggi che propone, fotografia, poesia, teatro che sono i linguaggi che coltiviamo da tempo e che amiamo mescolare. Chiuso a chiocciola, Wacky diventa camera oscura, spazio di ascolto e immaginazione, mentre aperto è disponibile a farsi attraversare da personaggi teatrali come dal pubblico, mescolando ciò che vero e ciò che è inventato.»

«Marcel Proust diceva “si dice che ogni lettore quando legge, legge sé stesso” perché la maggior parte delle storie parlano di noi. “Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso” dice Daniel Pennac. Fondazione Cariparma con il bando “Leggere crea indipendenza” sta promuovendo la lettura sia cartacea che digitale, per contribuire a una politica organica di sostegno all’educazione alla lettura - afferma Franco Magnani, Presidente di Fondazione Cariparma - La lettura è uno strumento importantissimo di inclusione sociale, economica e culturale, in linea con gli obiettivi dell’agenda 2030 (1, 4 - 11 e 16). Ringrazio di cuore Associazione Ottotipi per la sua attività e il suo impegno. “Leggere crea indipendenza” vuole essere davvero un capitolo importante per la cultura della nostra città».

Anteprima sarà sabato 30 settembre alla Biblioteca di Alice nell’ambito di I like Parma, in cui si presenterà alla cittadinanza trasformandosi in un vivaio mobile in cui coltivare versi e crescere componimenti poetici. L’innesto fra suoni e immagini inviterà i presenti a lasciarsi accompagnare in un’esperienza che permetterà di cogliere con nuova attenzione la realtà che si ha intorno.

Due i percorsi per bambini e adulti che verranno proposti con tema poetico, in collaborazione con l’Atlante sonoro della poesia mondiale, partner di progetto, un sito (www.atlantepoesia.com) che offre la possibilità di ascoltare, registrare, inviare poesie di tutto il mondo e di tutti i tempi, raccolte attraverso parole chiave disposte su una sorta di tavola periodica, simile a quella degli elementi. All’interno di Wacky, come una serra dove sbocciano parole, gli adulti potranno ascoltare in modo

immersivo una selezione di poesie alternate a suoni, musiche, effetti speciali. Sette parole chiave permetteranno di accedere a sette percorsi tematici dedicati all’acqua, all’amore, all’energia. All’esterno due giardinieri esperti accoglieranno i più piccoli per accompagnarli a conoscere vento, lupi, piante viaggianti, guerrieri e altri personaggi presenti nelle poesie e giocare con potature di parole e componimenti visivi arboreo poetici. I laboratori per bambini e adulti si svolgeranno in contemporanea per un massimo di 30 persone nei seguenti orari: 11, 12, 15, 16, 17.30.

«Ascoltare e leggere ad alta voce testi di poesia e narrativa è una grande occasione per scoprire e amare testi di tutti i tempi, di ogni parte del mondo - dichiara Marco Zapparoli, uno degli ideatori di Atlante sonoro della poesia mondiale - e questa è una eccellente occasione per sperimentarlo dal vivo».

Wacky assumerà forme diverse. Una di queste è la bottega dei rimedi letterari che, prendendo spunto dai carrozzoni di rimedi miracolosi dei primi ‘900, che per le piazze richiamavano l’attenzione dei passanti convincendoli a provare pozioni e intrugli, spaccerà un menù letterario come cura per i più svariati malanni. Una bottega speciale che mescola scaffali di libri ad affettatrici, tostapane, bilance e propone un menù fatto di affettati misti, sfoglie di libro, toast letterari da farcire a piacere, merce a peso, parole in disuso da prendere in affido per un anno e pillole di verbi da coniugare con precise posologie per sentirne gli immediati benefici psicologici. Ad aprire ed animare la bottega tre personaggi si muovono tra le figure degli imbonitori da piazza, i Dottori e i droghieri, irretendo i passanti e convincendoli a fornirsi delle loro “merci” letterarie scegliendo dal menù o lasciandosi consigliare, per andarsene con un pacchettino di affettati da degustazione o con qualche etto di libri ben confezionati come nelle migliori salumerie, con tanto di scontrino.

Wacky si trasformerà anche in camera oscura, come luogo di aggregazione dove leggere tutti insieme poesie o ascoltare racconti ad occhi chiusi guidati dalla voce del narratore concentrando l’attenzione sull’esperienza di immaginazione, parte integrante e fondamentale del viaggio della lettura. Nella seconda parte del percorso i partecipanti avranno a disposizione una camera stenopeica (macchina fotografica realizzata partendo da latte e scatole riadattate con l’aggiunta di un foro stenopeico), alcuni oggetti e tutto il mondo che li circonda per ambientare e creare l’immagine che il viaggio della lettura ha fatto nascere dentro di loro e riprenderla fotograficamente.

Il Tour di Wacky ospiterà la Bottega dei rimedi letterari nelle fiere di paese il 12 novembre a Noceto, alla Fiera di San Martino, il 18 novembre a Zibello, nell’ambito di November Porc, e nell’anno nuovo a Busseto (maggio), a Medesano per la Fiera di S. Giacomo (fine luglio) e a Fornovo (agosto).

Ma la troveremo anche nei cortili delle scuole degli Istituti Comprensivi di Collecchio e Salsomaggiore con quattro percorsi di Camera Oscura e Archivio mobile. Vari gli appuntamenti nei quartieri della città dove Wacky mescolerà forme e linguaggi, mantenendo la lettura al centro di produzioni fotografiche e incursioni teatrali: dopo l’anteprima del 30 settembre, tra Natale e Capodanno parteciperà ai “Racconti di Natale”; nel 2024 a marzo, insieme a 24FPS, sarà nel Cortile del Cubo, il 7 e 8 aprile a I like Parma primavera, a maggio a “Libera voce”, a giugno alla “Festa della musica”, infine a luglio allo Spazio Malerba per il compleanno della Biblioteca nell’ambito di Parma Estate.

Degas, Renoir e Manet in mostra a Parma

Degas, Renoir e Manet in mostra a Parma

Innaugurata la mostra “Edgar Degas e i suoi amici” che porterà in Italia, a Parma, alcuni tra i migliori maestri dell’impressionismo.

Allestita nella cornice di Palazzo della Rosa Prati in Piazza del duomo, l’esposizione metterà al centro della scena la produzione artistica di Degas con le sue immancabili ballerine, affiancandole a diversi artisti che aderirono al movimento impressionista come Giuseppe de Nittis, Berthe Morisot e i grandi pittori francesi Renoir e Manet.

La mostra sarà ospitata Al Palazzo Dalla Rosa Prati, dal 16 settembre 2023 al 7 gennaio 2024, sito in strada al Duomo 7, accanto al Battistero e in corrispondenza di piazza Duomo.

Per informaizoni dettagliate visitare la pagina dedicata all'esposizione

https://www.navigaresrl.com/mostra/edgar-degas-e-i-suoi-amici/

Comune di Parma
Auroradomus